Le soluzioni di PTC in Exakta – Seko (Lasatec Group) abilitano l’innovazione e la sostenibilità

625

STORIE DI SUCCESSO. ESPERIENZE DI VALORE. Exakta – Seko (Lasatec Group) ha scelto i software di progettazione (CAD) Creo e gestione del ciclo di vita del prodotto (PLM) Windchill quale piattaforma enterprise per sostenere la capacità creativa dei suoi tecnici progettisti, efficientare l’organizzazione del lavoro e dare maggiore valore ai clienti lungo tutto il ciclo di vita dei prodotti, soprattutto in termini di innovazione e sostenibilità

La scelta di affidarsi a PTC per Exakta è stata una valutazione strategica, che ha permesso di sostenere la capacità creativa dei suoi tecnici, raggiungere un’organizzazione del lavoro efficiente lungo tutto il ciclo di vita del prodotto e dare maggiore valore ai clienti soprattutto in termini di innovazione. L’organizzazione che deriva dalla condivisione di informazioni, dati ed esperienze tra le varie aziende del Gruppo, attraverso un unico Windchill e un unico sistema di progettazione CAD, si è rivelato essere un grande punto di forza.

Creo e Windchill sono due strumenti che, seppur applicati a progettazioni e prodotti differenti, sono in grado di assicurare una uniformità di metodo, qualità e livello di servizio a entrambe le divisioni. Le soluzioni di PTC si sono rivelate fin da subito molto flessibili e adatte ad affrontare con successo le sfide quotidiane che i vari team si trovano ad affrontare nel loro lavoro, grazie alla possibilità di condividere documenti e progetti senza la necessità di effettuare conversioni o scambi di file.

“Per Exakta, Windchill si è dimostrato lo strumento perfetto con cui fin dall’inizio è stato possibile impostare un efficace processo di condivisione nella comunicazione e nello scambio dei dati”, sottolinea Massimo Palombo. “Tutto questo ci rende sicuri di poter contare sempre sulla certezza del dato e dell’uso delle revisioni aggiornate”.

La consapevolezza che oggi il concetto di efficienza si debba abbinare a quello di sostenibilità ha portato il Gruppo ad affrontare anche gli aspetti più squisitamente green legati all’efficientamento dei prodotti e del loro utilizzo.

Grazie alle potenzialità degli strumenti Creo e Windchill, è oggi possibile per Exakta sviluppare sistemi innovativi, con performance sempre più elevate in termini di pressione, portate, materiali, equipaggiamenti e ingombri. Tutti vantaggi molto apprezzati per chi sviluppa da un lato e chi utilizza dall’altro impianti di pompaggio soprattutto in ambienti critici, che possono così raggiungere un maggiore livello di sostenibilità in termini di risparmi energetici e contenimento degli spazi.

I progettisti di Exakta, ad esempio, sono riusciti a sviluppare applicazioni di un livello talmente innovativo che, in ambienti altamente demanding come l’off-shore, hanno addirittura portato a un raddoppio delle prestazioni in termini di pressione di esercizio, il che ha consentito di dare un grande valore in termini di benefici operativi alle attività del cliente finale. Tutto ciò anche grazie alle soluzioni di PTC, che hanno permesso ai tecnici di concentrarsi in modo efficace sugli aspetti più innovativi del progetto.

Nel successo raggiunto da Exakta nell’adozione delle tecnologie digitali di PTC, un pilastro fondamentale è stata la costante collaborazione con Softech – Software Technology, che in qualità di Platinum Partner di PTC ha aggiunto un importante elemento di valore derivante dalla condivisione di esperienze e know-how maturati in decine di applicazioni realizzate in molti settori.

“Capita spesso, soprattutto con i nuovi clienti, di citare l’esperienza di Exakta – Seko (Lasatec Group)”, commenta Luca Dessardo, CEO e Responsabile Business Development di Softech – Software Technology. “Grazie all’uso delle piattaforme CAD e PLM di PTC, le aziende del Gruppo hanno saputo sfruttare la grande versatilità e flessibilità di questi software per disegnare e rendere immediatamente operativi quei processi di sviluppo utili a mettere a disposizione di tutti, secondo i giusti ruoli e competenze, i prodotti digitali e le conoscenze ingegneristiche con cui sono stati sviluppati, per farli diventare un patrimonio aziendale per lo sviluppo di ulteriori innovative soluzioni”.

Guarda la video intervista LINK